Proclamare la Parola

pagine per il Ministero del Lettore nella Chiesa Cattolica

Guarda il Lezionario (da la chiesa.it – .pdf)
Letture con pause per i lettori – Foglietto pronto (.pdf)

Prima lettura
Gen 9,8-15
[audio:http://www.proclamarelaparola.it/bqua1_1.mp3]
Scarica il file mp3

 

L’alleanza fra Dio e Noè liberato dalle acque del diluvio.

Dal libro della Gènesi

Dio disse a Noè/ e ai suoi figli con lui:/ «Quanto a me,/ ecco io stabilisco la mia alleanza con voi/ e con i vostri discendenti dopo di voi,/ con ogni essere vivente che è con voi,/ uccelli,/ bestiame e animali selvatici,/ con tutti gli animali che sono usciti dall’arca,/ con tutti gli animali della terra.// Io stabilisco la mia alleanza con voi:/ non sarà più distrutta alcuna carne dalle acque del diluvio,/ né il diluvio/ devasterà più la terra».//
Dio disse:/
«Questo è il segno dell’alleanza,/
che io pongo tra me e voi/
e ogni essere vivente che è con voi,/
per tutte le generazioni future.//
Pongo il mio arco sulle nubi,/
perché sia il segno dell’alleanza/
tra me e la terra.//
Quando ammasserò le nubi sulla terra/
e apparirà l’arco sulle nubi,/
ricorderò la mia alleanza
che è tra me e voi/
e ogni essere che vive in ogni carne,/
e non ci saranno più le acque per il diluvio,/
per distruggere ogni carne».

Salmo responsoriale
(di norma deve venire eseguito in canto)
Sal 24

Rit.:Tutti i sentieri del Signore sono amore e fedeltà.

Fammi conoscere, Signore, le tue vie,
insegnami i tuoi sentieri.
Guidami nella tua fedeltà e istruiscimi,
perché sei tu il Dio della mia salvezza.

Ricòrdati, Signore, della tua misericordia
e del tuo amore, che è da sempre.
Ricòrdati di me nella tua misericordia,
per la tua bontà, Signore.

Buono e retto è il Signore,
indica ai peccatori la via giusta;
guida i poveri secondo giustizia,
insegna ai poveri la sua via.

Seconda lettura
1Pt 3,18-22
[audio:http://www.proclamarelaparola.it/bqua1_2.mp3]
Scarica il file mp3

Quest’acqua, come immagine del battesimo, ora salva anche voi.

Dalla prima lettera di san Pietro apostolo

Carissimi,/ Cristo è morto una volta per sempre per i peccati,/ giusto per gli ingiusti,/ per ricondurvi a Dio;// messo a morte nel corpo,/ ma reso vivo nello spirito.// E nello spirito andò a portare l’annuncio/ anche alle anime prigioniere,/ che un tempo avevano rifiutato di credere,/ quando Dio,/ nella sua magnanimità,/ pazientava nei giorni di Noè,/ mentre si fabbricava l’arca,/ nella quale poche persone,/ otto in tutto,/ furono salvate per mezzo dell’acqua.//
Quest’acqua,/ come immagine del battesimo,/ ora salva anche voi;/ non porta via la sporcizia del corpo,/ ma è invocazione di salvezza rivolta a Dio/ da parte di una buona coscienza,/ in virtù della risurrezione di Gesù Cristo.// Egli è alla destra di Dio,/ dopo essere salito al cielo/ e aver ottenuto la sovranità sugli angeli,/ i Principati/ e le Potenze.

Canto al Vangelo (Mt 4,4)
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!
Non di solo pane vivrà l’uomo,
ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

Vangelo
Mc 1,12-15

[audio:http://www.proclamarelaparola.it/bqua1_3.mp3]
Scarica il file mp3

Gesù, tentato da satana, è servito dagli angeli

+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo,/ lo Spirito sospinse Gesù nel deserto/ e nel deserto rimase quaranta giorni,/ tentato da Satana.// Stava con le bestie selvatiche/ e gli angeli lo servivano.//
Dopo che Giovanni fu arrestato,/ Gesù andò nella Galilea,/ proclamando il vangelo di Dio,/ e diceva:/ «Il tempo è compiuto/ e il regno di Dio è vicino;/ convertitevi/ e credete nel Vangelo».

Guarda il Lezionario (.pdf – da lachiesa.it)
Letture con pause per lettori e diaconi – Foglietto pronto (.pdf)

Prima lettura
Is 8,23b-9,3
[audio:http://www.proclamarelaparola.it/aord03_1.mp3]
Scarica il file mp3

Nella Galilea delle genti, il popolo vide una grande luce.

Dal libro del profeta Isaìa

In passato/ il Signore umiliò la terra di Zàbulon e la terra di Nèftali,/ ma in futuro/ renderà gloriosa la via del mare,/ oltre il Giordano,/ Galilea delle genti.//
Il popolo che camminava nelle tenebre/
ha visto una grande luce;/
su coloro che abitavano in terra tenebrosa/
una luce rifulse.//
Hai moltiplicato la gioia,/
hai aumentato la letizia.//
Gioiscono davanti a te/
come si gioisce quando si miete/
e come si esulta/ quando si divide la preda.//
Perché tu hai spezzato/ il giogo che l’opprimeva,/
la sbarra sulle sue spalle,/
e il bastone del suo aguzzino,/
come nel giorno di Mádian.

Salmo responsoriale
(di norma deve venire eseguito in canto)
Sal 26

Rit.:Il Signore è mia luce e mia salvezza.

Il Signore è mia luce e mia salvezza:
di chi avrò timore?
Il Signore è difesa della mia vita:
di chi avrò paura?

Una cosa ho chiesto al Signore,
questa sola io cerco:
abitare nella casa del Signore
tutti i giorni della mia vita,
per contemplare la bellezza del Signore
e ammirare il suo santuario.

Sono certo di contemplare la bontà del Signore
nella terra dei viventi.
Spera nel Signore, sii forte,
si rinsaldi il tuo cuore e spera nel Signore.

Seconda lettura
1Cor 1,10-13.17
[audio:http://www.proclamarelaparola.it/aord03_2.mp3]
Scarica il file mp3

Siate tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

Vi esorto,/ fratelli,/ per il nome del Signore nostro Gesù Cristo,/ a essere tutti unanimi nel parlare,/ perché non vi siano divisioni tra voi,/ ma siate in perfetta unione/ di pensiero e di sentire.//
Infatti a vostro riguardo,/ fratelli,/ mi è stato segnalato dai familiari di Cloe/ che tra voi vi sono discordie.// Mi riferisco al fatto/ che ciascuno di voi dice:/ «Io sono di Paolo»,/ «Io invece sono di Apollo»,/ «Io invece di Cefa»,/ «E io di Cristo».//
È forse diviso il Cristo?/ Paolo/ è stato forse crocifisso per voi?/ O siete stati battezzati/ nel nome di Paolo?//
Cristo infatti/ non mi ha mandato a battezzare,/ ma ad annunciare il Vangelo,/ non con sapienza di parola,/ perché non venga resa vana/ la croce di Cristo.

 

Canto al Vangelo (Mt 4,23)
Alleluia, alleluia.
Gesù predicava il vangelo del Regno
e guariva ogni sorta di infermità nel popolo.
Alleluia.

 

Vangelo
Mt 4,12-23 (forma breve: 4,12-17)
[audio:http://www.proclamarelaparola.it/aord03_3.mp3]
Scarica il file mp3

Venne a Cafàrnao perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa.

+ Dal Vangelo secondo Matteo

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato,/ si ritirò nella Galilea,/ lasciò Nàzaret/ e andò ad abitare a Cafàrnao,/ sulla riva del mare,/ nel territorio di Zàbulon e di Nèftali,// perché si compisse ciò che era stato detto/ per mezzo del profeta Isaìa://
«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,/
sulla via del mare,/ oltre il Giordano,/
Galilea delle genti!//
Il popolo che abitava nelle tenebre/
vide una grande luce,//
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte/
una luce è sorta».//
Da allora Gesù cominciò a predicare/ e a dire:// «Convertitevi,/ perché il regno dei cieli è vicino».//
Mentre camminava lungo il mare di Galilea,/ vide due fratelli,// Simone,/ chiamato Pietro,/ e Andrea suo fratello,/ che gettavano le reti in mare;// erano infatti pescatori.// E disse loro:/ «Venite dietro a me,/ vi farò pescatori di uomini».// Ed essi subito lasciarono le reti/ e lo seguirono.// Andando oltre,/ vide altri due fratelli,/ Giacomo,/ figlio di Zebedèo,/ e Giovanni suo fratello,/ che nella barca,/ insieme a Zebedeo loro padre,/ riparavano le loro reti,/ e li chiamò.// Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre/ e lo seguirono.//
Gesù percorreva tutta la Galilea,/ insegnando nelle loro sinagoghe,/ annunciando il vangelo del Regno/ e guarendo ogni sorta di malattie/ e di infermità nel popolo.

Guarda il Lezionario (.pdf – da lachiesa.it)
Letture con pause per lettori e diaconi – Foglietto pronto (.pdf)

Prima lettura
At 5,27-32.40-41
[audio:http://www.proclamarelaparola.it/c3pasqua_1.mp3]
Scarica il file mp3

Di questi fatti siamo testimoni noi e lo Spirito Santo.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni,/ il sommo sacerdote interrogò gli apostoli dicendo:/ «Non vi avevamo espressamente proibito/ di insegnare in questo nome?// Ed ecco,/ avete riempito Gerusalemme del vostro insegnamento/ e volete far ricadere su di noi/ il sangue di quest’uomo».//
Rispose allora Pietro/ insieme agli apostoli:/ «Bisogna obbedire a Dio/ invece che agli uomini.// Il Dio dei nostri padri ha risuscitato Gesù,/ che voi avete ucciso appendendolo a una croce.// Dio lo ha innalzato alla sua destra come capo e salvatore,/ per dare a Israele conversione/ e perdono dei peccati.// E di questi fatti siamo testimoni/ noi e lo Spirito Santo,/ che Dio ha dato/ a quelli che gli obbediscono».//
Fecero flagellare [gli apostoli]/ e ordinarono loro di non parlare nel nome di Gesù.// Quindi li rimisero in libertà./ Essi allora se ne andarono via dal Sinedrio,/ lieti di essere stati giudicati degni/ di subire oltraggi/ per il nome di Gesù.

Salmo responsoriale
(di norma deve venire eseguito in canto)
Sal 29

Rit.:Ti esalterò, Signore, perché mi hai risollevato.

Ti esalterò, Signore, perché mi hai risollevato,
non hai permesso ai miei nemici di gioire su di me.
Signore, hai fatto risalire la mia vita dagli inferi,
mi hai fatto rivivere perché non scendessi nella fossa.

Cantate inni al Signore, o suoi fedeli,
della sua santità celebrate il ricordo,
perché la sua collera dura un istante,
la sua bontà per tutta la vita.
Alla sera ospite è il pianto
e al mattino la gioia.

Ascolta, Signore, abbi pietà di me,
Signore, vieni in mio aiuto!
Hai mutato il mio lamento in danza,
Signore, mio Dio, ti renderò grazie per sempre.

Seconda lettura
Ap 5,11-14
[audio:http://www.proclamarelaparola.it/c3pasqua_2.mp3]
Scarica il file mp3

L’Agnello, che è stato immolato, è degno di ricevere potenza e ricchezza.

Dal libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo

Io,/ Giovanni,/ vidi,/ e udii voci di molti angeli/ attorno al trono e agli esseri viventi/ e agli anziani.// Il loro numero era miriadi di miriadi/ e migliaia di migliaia/ e dicevano a gran voce:/
«L’Agnello,/ che è stato immolato,/
è degno di ricevere potenza e ricchezza,/
sapienza e forza,/
onore,/ gloria e benedizione».//
Tutte le creature nel cielo e sulla terra,/ sotto terra e nel mare,/ e tutti gli esseri che vi si trovavano,/ udii che dicevano:/
«A Colui che siede sul trono e all’Agnello/
lode,/ onore,/ gloria e potenza,/
nei secoli dei secoli».//
E i quattro esseri viventi dicevano:/ «Amen».// E gli anziani/ si prostrarono in adorazione.

 

Canto al Vangelo
Alleluia, alleluia.
Cristo è risorto, lui che ha creato il mondo,
e ha salvato gli uomini nella sua misericordia.
Alleluia.


Vangelo
Gv 21,1-19
[audio:http://www.proclamarelaparola.it/c3pasqua_3.mp3]
Scarica il file mp3

Viene Gesù, prende il pane e lo dà loro, così pure il pesce.

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo,/ Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli/ sul mare di Tiberìade.// E si manifestò così:/ si trovavano insieme Simon Pietro,/ Tommaso detto Dìdimo,/ Natanaèle di Cana di Galilea,/ i figli di Zebedèo/ e altri due discepoli.// Disse loro Simon Pietro:/ «Io vado a pescare».// Gli dissero:/ «Veniamo anche noi con te».// Allora uscirono/ e salirono sulla barca;// ma quella notte/ non presero nulla.//
Quando già era l’alba,/ Gesù stette sulla riva,/ ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù.// Gesù disse loro:/ «Figlioli,/ non avete nulla da mangiare?».// Gli risposero:/ «No».// Allora egli disse loro:/ «Gettate la rete dalla parte destra della barca/ e troverete».// La gettarono/ e non riuscivano più a tirarla su/ per la grande quantità di pesci.// Allora quel discepolo che Gesù amava/ disse a Pietro:/ «È il Signore!».// Simon Pietro,/ appena udì che era il Signore,/ si strinse la veste attorno ai fianchi,/ perché era svestito,/ e si gettò in mare.// Gli altri discepoli invece vennero con la barca,/ trascinando la rete piena di pesci:// non erano infatti lontani da terra/ se non un centinaio di metri.//
Appena scesi a terra,/ videro un fuoco di brace con del pesce sopra,/ e del pane.// Disse loro Gesù:/ «Portate un po’ del pesce che avete preso ora».// Allora Simon Pietro salì nella barca/ e trasse a terra la rete/ piena di centocinquantatré grossi pesci.// E benché fossero tanti,/ la rete non si squarciò.// Gesù disse loro:/ «Venite a mangiare».// E nessuno dei discepoli osava domandargli:/ «Chi sei?»,/ perché sapevano bene che era il Signore.// Gesù si avvicinò,/ prese il pane e lo diede loro,/ e così pure il pesce.// Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli,/ dopo essere risorto dai morti.//
Quand’ebbero mangiato,/ Gesù disse a Simon Pietro:/ «Simone,/ figlio di Giovanni,/ mi ami più di costoro?».// Gli rispose:/ «Certo,/ Signore,/ tu lo sai che ti voglio bene».// Gli disse:/ «Pasci i miei agnelli».// Gli disse di nuovo,/ per la seconda volta:/ «Simone,/ figlio di Giovanni,/ mi ami?».// Gli rispose:/ «Certo,/ Signore,/ tu lo sai che ti voglio bene».// Gli disse:/ «Pascola le mie pecore».// Gli disse per la terza volta:/ «Simone,/ figlio di Giovanni,/ mi vuoi bene?».// Pietro rimase addolorato/ che per la terza volta gli domandasse:/ «Mi vuoi bene?»,/ e gli disse:/ «Signore,/ tu conosci tutto;// tu sai che ti voglio bene».// Gli rispose Gesù:/ «Pasci le mie pecore.// In verità,/ in verità io ti dico:/ quando eri più giovane ti vestivi da solo/ e andavi dove volevi;// ma quando sarai vecchio/ tenderai le tue mani,/ e un altro ti vestirà/ e ti porterà dove tu non vuoi».// Questo disse/ per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio.// E,/ detto questo,/ aggiunse:/ «Seguimi».

"Oggi si è compiuta questa Scrittura"

Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto: Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; a rimettere in libertà gli oppressi, a proclamare l'anno di grazia del Signore. Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all'inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: "Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato". Luca 4,16-21