Sono andato a vedere, nei “Lineamenta” in preparazione al Sinodo dei Vescovi di ottobre 2008 su “La Parola di Dio nella vita e nella missione della Chiesa” se ci sono passaggi relativi, in modo specifico, al Ministero del Lettore, cioè al servizio della Parola proclamata nella Liturgia.

Ho trovato alcuni passaggi, che qui pubblico, tentandone, di seguito, anche una piccola analisi.

1) “Quando si legge, e soprattutto si proclama la Parola di Dio, come avviene nella Eucaristia “sacramento per eccellenza” e negli altri sacramenti, il Signore stesso ci invita a ‘realizzare’ un evento interpersonale, singolare e profondo, di comunione tra Lui e noi, e tra di noi. La Parola di Dio, infatti, è efficace e compie ciò che afferma (cf Eb 4,12). (6)

2) Che recezione si è avuta della Dei Verbum? Del Catechismo della Chiesa Cattolica? Quale è il ruolo magisteriale specifico dei Vescovi nell’apostolato della Parola di Dio? Quale è il compito che spetta ai ministri ordinati, presbiteri e diaconi nella proclamazione della Parola (cf. LG 25.28)? Quale relazione va pensata tra Parola di Dio e vita consacrata? Come entra la Parola di Dio nella formazione dei futuri presbiteri? Di quali orientamenti ha bisogno oggi il popolo di Dio a riguardo della Parola di Dio, e questo per i presbiteri, i diaconi, le persone consacrate e i laici? (I, domande)

3) “Nella liturgia, rito e parola siano intimamente connessi”.La Chiesa ha imparato a scoprire ed accogliere Dio che parla in particolare nella preghiera liturgica, oltre che nella preghiera personale e comunitaria. La Sacra Scrittura, infatti, una realtà liturgica e profetica: una proclamazione e una testimonianza dello Spirito Santo sull’evento Cristo pi che un libro scritto. Ci ha consentito una diffusione della conoscenza ed amore verso le Scritture. Ma il cammino da compiere per realizzare la lettera e lo spirito del Concilio Vaticano II a riguardo dell’uso della Parola nella liturgia [è] costantemente in atto. Si richiede uno sforzo di rinnovamento qualitativo e quantitativo, richiamando i fedeli e riflettendo con loro su certe indicazioni proposte dal Concilio.

Si ricorda a questo proposito il dato fondamentale che “Cristo è presente nella sua parola, giacché è Lui che parla quando nella Chiesa si legge la Sacra Scrittura”. Sicché “massima è l’importanza della Sacra Scrittura nella celebrazione liturgica”. Ciò porta a porre attenzione privilegiata ad ogni forma di incontro con la Parola nell’azione liturgica: nell’Eucaristia (domenicale), nei sacramenti, nella predicazione omiletica, nell’anno liturgico, nella liturgia delle ore, nei sacramentali, nelle variegate forme della pietà popolare, nella catechesi mistagogica.Il primo posto spetta all’Eucaristia, in quanto “mensa sia della parola di Dio che del Corpo di Cristo” intimamente uniti, segnatamente nel Giorno del Signore: “Essa è il luogo privilegiato dove la comunione è costantemente annunciata e coltivata”. Si tenga conto che per tantissimi cristiani la Messa domenicale, che è il momento principale d’incontro con la parola di Dio, rimane fino ad oggi l’unico punto di contatto con la Parola. Di qui dovrebbe nascere una vera passione pastorale per celebrare e vivere con autenticità e gioia l’incontro con la Parola nell’Eucaristia domenicale.Concretamente, si curerà massimamente la liturgia della Parola, nell’Eucaristia anzitutto ed in ogni altro sacramento, con la proclamazione chiara e comprensibile dei testi, con l’omelia che della Parola si fa risonanza limpida e incoraggiante, aiutando a interpretare gli eventi della vita e della storia alla luce della fede, con la preghiera dei fedeli che sia risposta di lode, di grazie e di domanda a Dio che ci ha parlato. Specifica attenzione richiede l’Ordo Lectionum Missæ,come pure la preghiera del Divino Ufficio. Oggi è diventato indispensabile riflettere sul modo di rendere pastoralmente più adeguati e, quindi, più accessibili ai fedeli, questi eccellenti canali della Parola di Dio. (22)

Nel brano 1) c’è il richiamo all’evento interpersonale che sempre dovrebbe avere luogo quando nella Chiesa si leggono le divine scritture. Non è cultura, non è studio, non è semplice lettura per “apprendere nozioni”. E’ “evento interpersonale”, e le persone coinvolte sono chi si pone in ascolto (colui che legge) e colui che parla, ovvero Dio stesso.
Le conseguenze di ciò sono profondissime, e devono incidere sul “modo” in cui si accostano e si “leggono” le Scritture. Se ciò non diviene “evento” la Scrittura non entra in relazione con l’uomo, e fatalmente se ne perde il vero senso.

Il brano 2) è compreso nelle domande che chiudono il primo capitolo. Molto bello che i Vescovi si interroghino sul ruolo specifico che i vari ministeri nella Chiesa svolgono nei confronti della Parola di Dio. Non mi sarebbe dispiaciuto un accenno, fra i vari ministeri, anche a quello del Lettore, ma il sentirmi ricompresso nel novero dei “laici” alla fine non mi dispiace.

Il brano 3) è costituito dall’intero punto 22) del testo. Particolarmente toccante il cenno alla “vera passione pastorale” che dovrebbe nascere per “celebrare e vivere con autenticità e gioia l’incontro con la Parola nell’Eucaristia domenicale” e la chiara indicazione “Si curerà massimamente la Liturgia della Parola”, in particolare per quanto riguarda la “proclamazione chiara e comprensibile dei testi”.