Guarda il Lezionario
Il Foglietto delle Famiglie della Visitazione

Prima lettura
Ger 17,5-8

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.


Scarica il file mp3

Maledetto chi confida nell’uomo; benedetto chi confida nel Signore.

Dal libro del profeta Geremìa

Così dice il Signore:/
«Maledetto l’uomo che confida nell’uomo,/
e pone nella carne il suo sostegno,/
allontanando il suo cuore dal Signore.//
Sarà come un tamarisco nella steppa;/
non vedrà venire il bene,/
dimorerà in luoghi aridi nel deserto,/
in una terra di salsedine,/ dove nessuno può vivere.//
Benedetto l’uomo che confida nel Signore/
e il Signore è la sua fiducia.//
È come un albero/ piantato lungo un corso d’acqua,/
verso la corrente/ stende le radici;/
non teme quando viene il caldo,/
le sue foglie/ rimangono verdi,/
nell’anno della siccità/ non si dà pena,/
non smette/ di produrre frutti».

Salmo responsoriale
(di norma deve venire eseguito in canto)
Sal 1

Rit.:Beato l’uomo che confida nel Signore.

Beato l’uomo che non entra nel consiglio dei malvagi,
non resta nella via dei peccatori
e non siede in compagnia degli arroganti,
ma nella legge del Signore trova la sua gioia,
la sua legge medita giorno e notte.

È come albero piantato lungo corsi d’acqua,
che dà frutto a suo tempo:
le sue foglie non appassiscono
e tutto quello che fa, riesce bene.

Non così, non così i malvagi,
ma come pula che il vento disperde;
poiché il Signore veglia sul cammino dei giusti,
mentre la via dei malvagi va in rovina.

Seconda lettura
1Cor 15,12.16-20

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.


Scarica il file mp3

Se Cristo non è risorto, vana è la vostra fede.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

Fratelli,/ se si annuncia che Cristo è risorto dai morti,/ come possono dire alcuni tra voi/ che non vi è risurrezione dei morti?//
Se infatti i morti non risorgono,/ neanche Cristo è risorto;/ ma se Cristo non è risorto,/ vana è la vostra fede/ e voi siete ancora nei vostri peccati.// Perciò anche quelli che sono morti in Cristo/ sono perduti.//
Se noi abbiamo avuto speranza in Cristo/ soltanto per questa vita,/ siamo da commiserare più di tutti gli uomini.//
Ora,/ invece,/ Cristo è risorto dai morti,/ primizia/ di coloro che sono morti.

Vangelo
Lc 6,17.20-26

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.


Scarica il file mp3

Beati i poveri. Guai a voi, ricchi.

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù, disceso con i Dodici, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne.
Ed egli, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva:
«Beati voi, poveri,
perché vostro è il regno di Dio.
Beati voi, che ora avete fame,
perché sarete saziati.
Beati voi, che ora piangete,
perché riderete.
Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell’uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i profeti.
Ma guai a voi, ricchi,
perché avete già ricevuto la vostra consolazione.
Guai a voi, che ora siete sazi,
perché avrete fame.
Guai a voi, che ora ridete,
perché sarete nel dolore e piangerete.
Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti».